La storia

L'Ateneo Italo-Tedesco (AIT) / Deutsch-Italienische Hochschulzentrum (DIH) ha preso avvio a Roma il 13 aprile 2000, data in cui i Presidenti della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CRUI) e della Conferenza dei Rettori delle Università Tedesche (HRK) hanno sottoscritto una dichiarazione d'intenti nella quale si impegnavano a proporre ai rispettivi Governi la creazione di un ateneo bi-nazionale, nella stessa ottica che ha portato nel 1997 all’istituzione dell’Università franco-tedesca e nel 1998 di quella italo-francese.

Lo Statuto dell'AIT/DIH è stato formalmente sottoscritto il 25 maggio 2002 dal Presidente della CRUI Luciano Modica, dal Presidente dell’HRK Klaus Landfried, dal Rettore dell'Università di Trento Massimo Egidi e dal Segretario Generale del Deutscher Akademischer Austauschdienst (DAAD) Christian Bode, dopo che il 16 aprile 2002 al Quirinale i Presidenti della Repubblica Italiana Carlo Azeglio Ciampi e della Repubblica Federale di Germania Johannes Rau avevano patrocinato la nascita della nuova istituzione.

 

Le tappe

13 aprile 2000

Dichiarazione d’intenti sottoscritta da Luciano Modica, Presidente della CRUI, e da Klaus Landfried, Presidente dell’HRK.


16 aprile 2002

Dichiarazione d’intenti firmata da Massimo Egidi, Rettore dell’Università di Trento, e Christian Bode, Segretario Generale del DAAD.


25 maggio 2002

Accordo di costituzione sottoscritto da Luciano Modica, Klaus Landfried, Massimo Egidi e Christian Bode.


10 luglio 2003

Dichiarazione congiunta a sostegno dell’Ateneo firmata dai rappresentanti dei Governi italiano e tedesco.

Alla firma segue l’insediamento del Comitato direttivo.

 
21 maggio 2007

Seconda dichiarazione congiunta a sostegno dell’Ateneo firmata dai rappresentanti dei Governi italiano e tedesco, i Ministri dell’Università e della Ricerca Mussi e Schavan.